Intel trasforma il posto di lavoro con i nuovi processori Core vPro di sesta generazione

Intel ha annunciato la disponibilità della sesta generazione della sua famiglia di processori Core nella versione vPro. I nuovi Core vPro indirizzano le attese in tema di produttività e sicurezza da parte della clientela aziendale e introducono alcune novità in tema di autenticazione sicura anche biometrica e prestazioni. In coincidenza con l’annuncio si chiarificano gli aspetti riguardanti la compatibilità dei chip Skylake Intel di sesta generazione con le versioni vecchie e nuove di Windows OS.

I chip Skylake vPro supporteranno anche Windows 7, anche se le capacità e le funzionalità più sofisticate saranno disponibili solo con Windows 10. Un esempio è dato dalla memorizzazione a livello di chip dei dati di autenticazione biometrica.

Si contano almeno un centinaio di nuovi prodotti che i costruttori metteranno in grado di lavorare anche con Windows 7. Infatti alcune funzionalità dei vPro non si basano sul sistema operativo, ma è possibile per gli amministratori di sistema accedere ai PC prima che si carichi il sistema operativo in modo da procedere a messe a punto della memoria o dell’hard disk.

La versione precedente dei processori vPro in architettura Broadwell scende nel confronto delle prestazioni che si incrementano del 35 %. Nei portatili, Intel comunica una vita della batteria che passa attorno alle 8 ore. Le aziende potranno scegliere tra una vasta gamma di soluzioni: due in uno, ultrabook, mini PC e desktop all in one. Dal punto di vista applicativo la sicurezza si esprime con la nuova Authenticate Solution: una soluzione di autenticazione multifattore basata su hardware.

Per le imprese di dimensioni minori Intel offre la soluzione Small Business Advantage che prevede una modalità facile e centralizzata di condivisione e collegamento insieme con aggiornamenti automatici di sicurezza e di manutenzione.

Il video della presentazione